È stato bello incontrarci

I messaggi del nostro pubblico in occasione dell’iniziativa del 22 febbraio

Un grazie di cuore alle spettatrici e agli spettatori che ieri sera sono venuti a trovarci nelle nostre sale – eccezionalmente aperte e illuminate in occasione della manifestazione promossa da UNITA Facciamo luce sul teatro! – e a tutti coloro che ci hanno scritto sui social.
I messaggi sono stati tantissimi ed è stato bellissimo sentire il nostro pubblico così vicino.
Qui di seguito le testimonianze d’affetto, le parole di incoraggiamento, i pensieri e le riflessioni che abbiamo raccolto.

Il teatro è emozione! Manca a me 56 anni, a mio figlio 17 anni, a mia mamma 84. Ci stanno mancando le emozioni che solo uno spettacolo teatrale può dare, a tutte le età!

Quanto ci manca il teatro!!! La sua magia è unica, è cibo per la nostra anima, è la meraviglia che ogni sera si realizza sul palco, è la luce di mille lanterne nella notte buia. Spero tanto nell’estate e nei vostri spettacoli all’aperto!!!

Se ogni luce fosse…
Accendete ogni lampadina, tutte le candele, qualsiasi lampada.
Se ogni luce fosse un palco?
La luce è vita!

Il teatro è vita, ci immerge in un mondo pieno di belle sensazioni!!

Il teatro è la coscienza che danza tra le battute degli attori; è la personale, singola, intima voce che diventa corale; è lo sguardo sui sentimenti che non hai potuto vedere,
sulle emozioni prima nascoste.

Esattamente un anno fa mi trovavo nello splendido Teatro Carlo Felice per assistere al musical Notre Dame de Paris. È stato l’ultimo spettacolo che ho vissuto. Scrivo vissuto perché il teatro è vita. Perché regala emozioni e sensazioni che fanno sentire vivi sia attori sia spettatori. Ha la capacità di sospendere il tempo e farti ritrovare in una nuova dimensione che consente di tornare a casa rinati. Perciò il teatro deve riaprire al più presto. Perché è vita per chi di teatro vive e per chi ne usufruisce.

Il pubblico a teatro è parte attiva dello spettacolo e questa è la magia degli spettacoli dal vivo; il proporre ogni sera uno spettacolo diverso proprio grazie all’interazione con il pubblico in sala. Tutto questo si perde negli spettacoli in streaming, per i quali comunque ringrazio di cuore tutti coloro che ne hanno permesso la messa in onda.

Teatro e Cinema sono i migliori e più efficaci strumenti dell’Arte e della Conoscenza al servizio delle donne, perché aiutano a storicizzare e raccontare in modo universale le storie collettive e i grandi personaggi femminili. In modo più semplice e immediato arrivano al cuore ed esaltano le passioni e la solidarietà delle altre persone. Forse le donne non sono abbastanza consapevoli dell’importanza del Teatro per la loro vita e il loro futuro, nelle mani delle drammaturghe e dei drammaturghi, dei registi, delle attrici e degli attori c’è la nostra più concreta possibilità di diventare protagoniste della Storia, e di entrare ufficialmente a farne parte. Ora è giunto il momento in cui le donne devono appropriarsi del Teatro e del Cinema, dare un forte contributo alla rinascita e al rinnovamento necessario; ma per fare questo devono nel momento di emergenza ridefinire e rafforzare i ruoli delle donne in ogni campo nel mondo dello spettacolo.

È la più antica forma d’arte complessa della civiltà occidentale. Senza Teatro muore la civiltà.

Esattamente un anno fa ero a teatro a Milano. Quell’atmosfera non la trovi da nessun’altra parte.

“Queste storie non avvennero mai, ma sono sempre”. Sallustio

Il teatro è sogno, è vita…

Il teatro è vita!

Il teatro deve riprendere in sicurezza, tantissime persone sono in ginocchio.

La vita senza teatro è come un cono senza gelato.

Il teatro È necessario.

Riaprite i teatri, la cultura ci aiuterà ad uscire da questo periodo buio.

Perché è una scarica di adrenalina.

La cultura non infetta.

Il Teatro dal vivo, manca.

#riaprireiteatri

Ma infatti. Da tecnico, e da musicista, me lo chiedo ogni giorno… non ho risposte convincenti, forse potrei anche rivolgere le mie attenzioni altrove.

Perché il teatro, come tutte le forme d’arte in generale, è l’unica via che ha l’uomo per trasmettere una miriade di sensazioni, raccontare storie, donare riflessioni che ci arricchiscono l’anima e la mente. Ci rende tutti più sensibili, forse più umani, verso il mondo che si trova al di fuori. Rappresenta una dimensione senza confini, senza limiti, dove tutto è possibile e nulla è proibito. Senza il teatro potremmo tranquillamente considerarci una società morta.

Illuminiamo e riempiamo i teatri e scaldiamoli di nuovo di musica, parole e applausi. 👏👏👏👏👏👏❤️

Luci accese questa sera, perché possano tornare a spegnersi all’apertura di un nuovo sipario.
Luci accese questa sera perché risplendano i sogni di chi è spettatore e si riaccenda la magia di chi è attore.
Luci accese stasera per non dimenticare che la cultura non può essere una parentesi chiusa.
Luci accese questa sera. S.P.

Perchè una societá senza teatro non è una societá civile. Senza spettacoli, arte e cultura non si sopravvive!

Perché è l’unico luogo dove in mezzo al caos del tempo che ci circonda si crea ancora quel silenzio di attesa per poi entrare in contatto,ascoltare e ascoltarsi. e come dopo ogni incontro umano si esce cambiati, arricchiti nel pensiero, o nelle emozioni o nella semplice condivisione di un’esperienza unica che si ripete, ma mai uguale a se stessa.

Perché altrimenti scompaio… mi serve più dell’insulina.

Caro teatro, mi manchi tanto, è il primo anno, dopo una trentina trascorsi insieme, che non ci incontriamo. Non resisto più, non vedo l’ora di poter tornare ad applaudirti, in sicurezza ovviamente ❤️.

Il teatro è indispensabile per ogni cultura, paese, di ogni epoca , negarlo significa regredire e non avere la capacita’ di raccontare il proprio tempo.

Perché il teatro ci permette di sognare ad occhi aperti ❤️.

Perché è energia, cuore, passione, emozione✨💡.

Per me… anche solo per me!😍

Perché il teatro… è vita.

Per chiudere il mondo fuori e tornare bambini. Lasciarsi trasportare dalla magia e sognare, emozionarsi, ridere…❤️.

Per capire noi stessi, per capire gli altri, per affrontare le nostre paure…

Perché sarebbe una sconfitta che segnerebbe l’inizio della fine della libertà di espressione. E avremmo perso la dignità.

Ogni volta che entro in teatro provo una sensazione indescrivibile 😍😍😍.

Perché le sensazioni che provi a teatro, dal vivo, sono uniche ❤️🔥.

Perché nel teatro ci sono i dubbi, le passioni, l’amore degli uomini di oggi e di ieri. C’è la catarsi, l’emozione, la trasmissione di sentimenti e sensazioni.

Si poteva trovare un modo. Invece non c’è stata scelta.

Perché è un atto terapeutico, catartico, educativo… Assistere ad un spettacolo dal vivo, in sala, è come partecipare ad un rito… La magia del teatro sublima la quotidianità con l’immaginazione ed il sentimento..

… Perché senza teatro l’uomo perde gran parte della sua umanità… È solo rivedendosi nell’altro, l’attore, è realmente in grado di conoscere se stesso.
Tornate presto!!!!

Manca l’atmosfera magica che si crea tra l’Artista ed il Pubblico, non è sostituibile in alcun modo!

Il modo migliore per tenere un popolo sottomesso è togliergli la cultura… il teatro, le mostre, gli artisti di strada, i concerti sono il nutrimento per le nostre anime… sempre dalla vostra parte.

Aspettiamo di poter tornare.

Il pubblico è parte attiva di uno spettacolo dal vivo.

Riaccendete il Teatro, riaccendeteci.

Non chiudiamo la finestra del sogno.

Torneranno gli applausi e saranno più forti che mai.

Teatro è sentirsi se stessi indossando maschere sempre diverse e vivendo una moltitudine di vita insieme.

Tutto questo ci manca!!!!!!!!!!!!!!

Restiamo almeno fedeli a noi stessi.

Ridateci il teatro e torneremo ad emozionarci.

Il teatro è vita.

Il teatro a luci spente non ho intenzione di vederlo più. “Luci accese al teatro!”.

Restituite dignità agli oppressi.

… Mi mancano le luci che si spengono, l’eccitazione dell’inizio, mi manca l’emozione del sorriso e della lacrima canaglia che spero sempre non si noti nel buio della sala, manca la condivisione, la comunità. A presto.

Ridateci il teatro e torneremo ad emozionarci.

Il teatro è vita.

Chiudendo i teatri sopprimete le boccate d’ossigeno.

Un saluto e l’augurio che queste luci ci accompagnino la prossima volta allo spettacolo

W il teatro in presenza!

La cultura è futuro. I teatri come le scuole, devono rimanere aperti, in sicurezza, ma aperti.

Un anno meno vivo. Con meno amore. Un anno in parte vuoto. Senza teatro = senza vita. Ma siamo qua e ci saremo alla riapertura. All’aprirsi del sipario.

Dignità alla cultura ed ai lavoratori dello spettacolo! Apriamo!

Aprite i teatri! Solidarietà massima a tutti i lavoratori dello spettacolo. Forza!

Pierguido Viterbi per il Teatro di Genova, per tutti i teatri.

Che vuoto! Manca un pezzo di vita. Vi aspettiamo.

Non vediamo l’ora di tornare! Non è svago è vita condivisa ogni spettacolo. Ad ottobre siamo venuti a vedere due spettacoli e ci siamo sentiti in sicurezza. Tenete duro!

Poter godere delle possibilità offerte dalla rete è sicuramente una grande partenza in questo periodo di lockdown ma non può far rivivere mai l’emozione di guardare uno spettacolo dal vivo ne quello di ricevere al momento dei saluti i sorrisi degli attori grati per avergli permesso di renderci felici. Tornate!!!

Saremo felici quando potremo riprendere ad entrare nella sala del teatro per gustare un po’ di spettacoli. Forza, cercate di resistere e speriamo di vederci presto.

Leggendo i commenti precedenti ho notato un comune denominatore: ci si rivolge agli artisti, ai teatranti, agli altri, ai lavoratori dello spettacolo dicendo: “resistete, ci mancate, forza vi aspettiamo”. Non sono gli artisti che non vogliono lavorare, sono vittime, sono a casa senza lavoro, tanti sono alla disperazione: è il “pubblico” che deve farsi vivo, protestare, reclamare l’apertura dei teatri , dei cinema, farsi sentire, il pubblico che soffre, molto di non poter piu’ andare.

Questo anno senza teatro mi ha lasciata senza il mio specchio, la mia personale cerimonia di riflesso con il mondo. Mi manca come l’aria. Mi manca come la libertà di respirare senza mascherina.

Rientrare in teatro è un po’ come tornare a casa dopo tanto tempo. Oggi è solo un assaggio, una “toccata – e – fuga”, ma spero presto di poter tornare tra quelle poltroncine di velluto a sentirmi ancora una volta in una delle case più belle che potessero accogliermi.

La cultura è l’unico bene dell’umanità che, diviso tra tutti, anziché diminuire diventa più grande. Con l’augurio di tornare a popolare tutti i teatri italiani.

Negli spettacoli dal vivo, il pubblico è parte attiva e questo rende ogni spettacolo unico ed irripetibile. Lo streaming non permette tutto questo e non può sostituire lo spettacolo dal vivo.

Un affettuoso pensiero di vicinanza per tutti coloro, e sono tanti, che lavorano nel teatro, per il teatro, che amano ciò che fanno, e che ora, in questo tempo sospeso, non possono farlo. A presto!

“C’è qualcosa di vergognoso nell’essere stato nonno senza essere mai andato a teatro”.

Fateci sognare. Ci manca tutto.

Bisogna assolutamente che i teatri riaprano. I teatri sono vita e noi abbiamo bisogno di vita.

Mi manca sedermi in platea ed emozionarmi ogni volta in un modo diverso. Torneremo a vivere il teatro perché il teatro è necessario.

Il teatro è un rito collettivo, irrinunciabile, di ogni società. Per capirsi, riconoscersi, darsi senso. Dobbiamo tornare ad emozionarci, a sentire insieme, ricordare che camminiamo tutti sullo stesso sentiero.

Augurando di tornare presto alla normalità, ci mancate tanto.

Resistete, vi pensiamo e speriamo di tornare presto: “A riveder le stelle”.

Senza storia di vita da raccontare la vita non c’è!

#mimancaAmleto

Avere un teatro aperto che ci elevasse nei regni profondi dell’immaginazione!

Vorrei un teatro aperto per poter ardere d’inconsapevolezza e per prendermi la mia rivincita sul mondo.

Vorrei tornare a stare insieme, tra silenzi e risate.

Torneremo presto ad emozionarci e ad emozionare… la luce del teatro non si spegnerà mai!!! Viva il Teatro!!!

Siamo la regione italiana con piu’ teatri, mi auguro di poter tornare presto a sedermi in poltrona per vivere la magia del teatro.

Il teatro è la vita che scorre ci serve a capire chi siamo e dove stiamo andando e dove vogliamo andare non potete privarci della vita!!

#presentesperoprestononsolo

Riaprire, riaprire, riaprire.

Torniamo a teatro, è vita.

I teatri sono ancora chiusi. Del teatro mi manca tutto. Il prima ed il dopo in mezzo agli spettatori come me venuti per dare possibilità alle proprie giornate. Mi mancano le emozioni che solo in teatro si vivono, e mi mancano quegli spettacoli che cambiano la vita per sempre. Non vi lasceremo soli / e.

Una delle cose che mi manca di più in questo periodo è sicuramente venire qui. Il teatro credo che sia un’occasione di grande arricchimento per cuore e mente, espressione di cultura e bellezza!

A quel luogo in cui è bello rifugiarsi, a quel luogo ampio e ristretto, luminoso e buio, come le stanze della mente. A quella casa di tutti e di nessuno che è il teatro! Ti aspettiamo aperto!

Pubblico, lavoratori, amanti del teatro: militanza, militanza, militanza!!!

Il Teatro Duse, quello che amo di più. Aprite i teatri, tutti!!!

Evviva la luce del teatro.

Mi mancano i buoni spettacoli, la compagnia del pubblico accanto a me, nel buio, prima che inizi tutto… il sogno delle volte.

Con l’augurio di ritrovarci in presenza il prima possibile!!!

Coraggio, ma ribellatevi!!!

Avere una musa di fuoco…

Il vero teatro lo è solo se condiviso.

Il futuro è in mano ai deboli che si sono fatti coraggio.

Riaccendiamo le luci… subito!

A un luogo del cuore e della mente che dà vita a tutte le vite che abbiamo dentro.

Riapriamo… la cultura non si ferma.

Mi manca il teatro. Il buio, il silenzio, i colpi di tosse, gli applausi, sentire le persone emozionarsi accanto a me, respirare insieme. Questi momenti di condivisione potenti ci danno tantissimo. Spero che potremo tornare a viverli insieme.

Il teatro illuminato è bello… ma aperto è molto meglio! Torneremo più forti di prima!

In mancanza della mia personale cerimonia con il Teatro, sono qui oggi per non far spegnere le luci sul teatro!

Teatro è casa, amore, vita, totalità. A presto!

Un grande desiderio di teatro, sono sicura (è insostituibile!) ci aiuterà a ripartire.

Qui è dove specchiarti in te stesso – teatro salvezza!

Che emozione!!!

Viva il teatro! Viva Marco Sciaccaluga!

Ci mancate!!!

Militanza, militanza, militanza!!!

Del teatro manca quella capacità di rompere le regole della società e di entrare dentro ciascuno!

Mancate tantissimo! Teniamo duro e riapriamo/te presto.

Per la riapertura dei teatri… quando ci sono i bus stivati.

Il teatro è aria di montagna in una giornata di sole… ho bisogno di respirarla!

Ci hanno tolto i cinema, i musei, il TEATRO. Ci sentiamo tutti più vuoti, privi delle linfe vitali della cultura. Voglio tornare a sentire il profumo delle sale, voglio tornare a vivere le emozioni dello spettacolo dal vivo. Per noi spettatori e per tutti coloro che di teatro vivono.

Speriamo di tornare presto alla normalità. Ne abbiamo bisogno tutti!!!

Stiamo rischiando di diventare compratori compulsivi e riempire solo i supermercati, abbiamo bisogno di spazi culturali dove ritrovarci. Grazie a tutti i lavoratori del settore per la resistenza.

Abbiamo bisogno di cultura per affrontare la pandemia e altri pericoli… Abbiamo bisogno di vicinanza in sicurezza e senza sottovalutare i rischi… Scuole, musei, teatri, cinema sono parte della nostra vita. Solidarietà a tutti voi!

Perché senza Teatro non c’è vita!

Abbiamo bisogno di sogni!

Perché abbiamo bisogno di arte e bellezza come il pane con la marmellata (quella buona fatta in casa!) per iniziare la giornata e per condividerla! Vi aspettiamo a braccia aperte!

Perché… mai come in questo momento, abbiamo bisogno di teatro.

Statistiche alla mano, continuare a tenere chiusi i teatri non è più un atto di prudenza ma un provvedimento miope e foriero solo di sterilità. Chiudere, a prescindere dai dati, un luogo d’incontro e confronto dove risuona la voce dell’uomo è pura crudeltà. La separazione dell’uomo dai suoi simili e dalle sue storie è separazione e separtizione. Il teatro è antico come il mondo, è coetaneo di dio. E in più esiste. Aprite la mente, riaprite i teatri!

Aspettando di rivederci, riaprite i teatri!

Lavoratori, pubblico e amanti del teatro: militanza, militanza, militanza!!!

Evviva il teatro luce della cultura.

Senza il teatro non si sta bene.

Che nostalgia. Voglio tornare a Teatro.

E la mia libertà? Antigone, Sofocle 442 a.c.

W il teatro, l’arte, la bellezza.

Teatro? Si può!

Il tempo è un grande autore, trova sempre il miglior finale. Torniamo nella casa del Teatro!

Voglio svegliarmi da questo incubo, voglio il mio lavoro, voglio il teatro aperto.

La vita è arte, l’arte è vita.

Vogliamo tornare a regalare emozioni, per superare questo momento dobbiamo evadere dalla quotidianità e questo può accadere qui in teatro, nella musica, nella danza, è arte!

Una vita senza teatro è come la minestra senza sale.

Triste la vita senza teatro.

Il teatro è luce per la cultura.

W il teatro aperto.

È solo un brutto sogno! Vogliamo il teatro e il suo lavoro.

Perché lo amo e mi sento riamata.

Per me la mancanza del teatro è come la totale mancanza di vita spirituale. Aspetto di ritornare a vivere.

Luci accese e voglia di tornare a vivere il teatro.

Dobbiamo continuare a fare teatro perché non so più cosa fare alla sera.

Un giorno senza sorriso è un giorno perso. È così senza il Teatro.

Abbiamo bisogno di voi aprite i teatri.

Contagiamoci di bellezza.

Il teatro è respiro dal vivo.

Il teatro in streaming non è teatro.

Vogliamo il teatro aperto non se ne può più.

Una vita senza teatro è chiamare pesto quello con la rucola (o mangiare il pesto senza aglio).

W il Teatro e lo spettacolo.

Caro teatro quanto ci manchi…

Scuole musei teatri aperti in sicurezza per tutti e tutte.

Stiamo vivendo in un teatrino. Abbiamo bisogno del teatro.

Militanza militanza militanza!!!

Assolutamente sì.

Sede legale
piazza Borgo Pila 42, 16129 Genova

010 53421
teatro@teatronazionalegenova.it

©2021 Teatro Nazionale di Genova |
P.IVA / Codice fiscale 00278900105

Questo sito fa uso di cookie per migliorare la vostra esperienza di navigazione. La prosecuzione della navigazione comporta la prestazione del consenso all'uso dei cookie. E’ possibile impedire il rilascio dei cookie rilasciati da ADFORM cliccando su Opt-Out al seguente link: site.adform.com/privacy-policy. È eventualmente possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.