Bastiano e Bastiana di Mozart

Bastiano e Bastiana ph Federico Pitto

 

Quando, nel 2017, Davide Livermore ha deciso di mandare in giro per le strade e le piazze valenziane un camion tutto teatrale, i media spagnoli non hanno esitato a chiamare in causa un illustre precedente: il teatro “La Barraca” di Federico Garcia Lorca. Ma, dice il regista: «I teatri itineranti non li ha inventati nessuno, sono sempre esistiti. Solo che, in questa fase della nostra storia e della nostra vita, mi sembra importante che sia il teatro ad andare incontro al pubblico, ai cittadini, alle persone. Credo sia la cosa più bella che si possa fare». Non solo: Livermore aveva azzardato una proposta decisamente intrigante. Non solo un camion, ma un carico di bellezza: un tir capace di diventare palcoscenico per l’opera che Mozart creò pensando a uno spazio misterioso come il giardino del medico ipnotizzatore Mesmer.

Bastiano e Bastiana è forse la prima operina del celebre salisburghese: una giocosa storia di amor contrastato e rappacificato, pensata per un organico ridotto, capace di mescolare fantasia, giocolerie, fugaci passioni, bel canto, ironia, divertimento, allegria. Troppo lieve? Non proprio. Perché nei meandri di quelle schermaglie d’amore si nasconde non solo l’eterna natura dell’animo umano, ma si avverte, in nuce, il talento divino del compositore.

Bastiano e Bastiana, dunque, è una festa giocosa che ben si presta per essere ripensata e riproposta per le strade e le piazze di Genova e della Liguria. Il Tir, questo “teatro-in-rivoluzione”, palcoscenico viaggiante su ruote, è l’occasione propizia non solo per vivere l’esperienza dello spettacolo dal vivo, d’opera e di prosa, ma anche per sentire il piacere – l’allegria, la spensieratezza, e forse per questo l’emozione – di ritrovarsi.


La locandina

Produzione originale Bastià i Bastiana / Palau de les Arts Reina Sofía Valencia
Ripresa 2020 Teatro Nazionale di Genova in coproduzione con Teatro Carlo Felice

regia e scene Davide Livermore
direzione musicale Aïda Bousselma
costumi José María Adame
luci Antonio Castro

assistente regia Allex Aguilera
progetto audio Edoardo Ambrosio

Cast artistico
Bastiano Tenore Valentino Buzza
Bastiana Soprano Giorgia Rotolo
Colas Bariton Jorge Eleazar

e con gli attori Cristiano Dessì, Sergio Gil, Paolo Li Volsi, Valentina Virando

Cast musicale
Cembalo Aïda Bousselma
Quintetto d’archi Orchestra del Carlo Felice:
Giovanni Fabris
I violino
Pierdomenico Sommati II violino
Giuseppe Ambrosini viola
Riccardo Agosti violoncello
Andrea Lumachi contrabbasso

Cast tecnico
direttore di scena Fabrizio Montalto
attrezzista Desirée Tesoro
capo macchinisti Maurizio Taverna, Angelo Palladino
capo elettricista  Marco Giorcelli
fonici Edoardo Ambrosio, Claudio Torlai
sarta Annalisa Recchioni
truccatrici e parrucchiere Barbara Petrolati, Elena Greco
delegato alla produzione Monica Fondacaro / Francesca Bonavita

foto di scena Federico Pitto


Calendario

7 – 8 – 15 agosto Genova, Piazza della Vittoria
12 agosto Savona, Priamar
19 – 21 agosto Genova Cornigliano, Villa Bombrini
26 agosto Genova, Fascia di Rispetto di Pra’
1 settembre Santo Stefano Magra
3 settembre località in fase di definizione
5 settembre
Busalla

Sede legale
piazza Borgo Pila 42, 16129 Genova

010 53421
+39 010 534 2510
teatro@teatronazionalegenova.it

©2020 Teatro Nazionale di Genova |
P.IVA / Codice fiscale 00278900105

Questo sito fa uso di cookie per migliorare la vostra esperienza di navigazione. La prosecuzione della navigazione comporta la prestazione del consenso all'uso dei cookie. E’ possibile impedire il rilascio dei cookie rilasciati da ADFORM cliccando su Opt-Out al seguente link: site.adform.com/privacy-policy. È eventualmente possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.